Asseverazione Traduzione: Responsabilità e Competenze Legali

Asseverazione Traduzione

La traduzione asseverata è la traduzione ufficiale di un qualsiasi documento originale che deve essere accettato in una situazione legale. Un testo tradotto, infatti, attraverso la procedura di asseverazione, viene legalmente convalidato nel Paese di destinazione.

L’asseverazione garantisce la perfetta conformità tra il documento originale e la sua traduzione, così che quest’ultimo abbia la medesima validità legale dell’originale.

Asseverare una traduzione è obbligatorio quando il certificato deve essere utilizzato per scopi amministrativi, governativi o giudiziari. Generalmente, i documenti soggetti a traduzione asseverata sono:

La traduzione di atti e documenti deve essere spesso sottoposta ad asseverazione, poichè le procedure e il protocollo variano in base al Paese presso cui la traduzione viene asseverata. A prescindere dalla procedura di asseverazione traduzioni utilizzata, questa acquisirà in ogni caso validità internazionale.

In Italia

In Italia, le traduzioni sono sottoposte ad asseverazioni attraverso tre procedure differenti, ognuna delle quali impiega e coinvolge figure professionali diverse, a seconda delle situazioni specifiche:

  • Tribunale
  • Giudice di pace
  • Notaio

Il processo di asseverazione prevede che il traduttore che si occupa di tradurre l’atto, si rechi personalmente presso uno dei tre uffici preposti per giurare di aver tradotto fedelmente il testo assegnatogli. Il passo successivo prevede che sia il traduttore che l’Autorità firmino congiuntamente un verbale che attesti l’avvenuto giuramento. Tale verbale viene infine allegato alla traduzione e all’originale e il fascicolo così ottenuto, per non perdere validità, non dovrà mai essere scomposto e si presenterà nel seguente ordine:

  • documento di partenza o sua copia autenticata
  • documento tradotto
  • verbale di giuramento firmato presso il Tribunale dal traduttore e dall’Autorità.

Per il traduttore giurato, sottoscrivere il verbale equivale ad assumersi la responsabilità sia civile che penale del lavoro svolto. Poichè tutta la procedura è affidata allo stesso traduttore, la presenza dell’intestatario del documento non è necessaria.

Ovviamente, questa appena descritta, è la procedura prevista dal regolamento Italiano, ma in Paesi come ad esempio il Regno Unito o gli Stati Uniti si procede in maniera del tutto diversa. In definitiva, possiamo dire che in Italia, tutte le traduzioni di atti e certificati ufficiali, per essere riconosciuti legalmente dalle autorità straniere, devono essere sottoposte alla traduzione asseverata o giurata, detta anche asseverazione.

Il traduttore giurato

Bisogna, però, precisare che il traduttore, quando il documento deve essere sottoposto a traduzione deve tradurre con la massima accuratezza e fedeltà i contenuti originali, e su di lui non può ricadere alcuna responsabilità riguardo alla validità o meno del certificato che gli viene consegnato per effettuare la traduzione asseverata. Infatti, il compito del traduttore è quello di tradurre un testo in tutte le sue parti (compresi timbri e altre diciture) e presentare il suo lavoro presso il Tribunale. Sarà, poi, solo attraverso il giuramento, che il traduttore si assumerà la responsabilità penale per quanto tradotto.

La traduzione asseverata viene firmata, oltre che dal traduttore, anche da un Ufficiale Giudiziario del Tribunale che, successivamente, può essere a sua volta certificata mediante legalizzazione o apostille (a seconda del regolamento previsto dal Paese in cui verrà presentato il documento oggetto di asseverazione).

La traduzione viene pinzata sempre assieme all’originale e al verbale di giuramento, timbrato tra le pagine e, per mantenere la sua validità, sarà necessario mantenere il fascicolo sempre nell’ordine in cui viene consegnato. Ecco perchè, per poter conservare il documento originale perché difficile da reperire o non più consegnabile (patente, tessere, diploma di laurea, ecc.), si consiglia di fare una copia conforme dello stesso (che si può richiedere nel proprio Comune di residenza al costo di €16,00 ogni 4 pagine).

Il traduttore giurato è un professionista, solitamente iscritto alle liste del Tribunale, e può appartenere alla categoria Periti e Interpreti presso la Camera di Commercio.

La procedura per asseverare una traduzione

L’asseverazione di un testo tradotto viene richiesta quando si rende necessaria la legalizzazione dello stesso. L’asseverazione consiste  nel giurare davanti al cancelliere di un ufficio giudiziario di avere eseguito una traduzione fedele e corretta del testo originale. Giurando davanti al cancelliere, il traduttore giurato  si assume la responsabilità civile e penale del proprio operato e dell’eventuale falsa dichiarazione a un pubblico ufficiale che, in caso di dolo, costituisce un reato previsto dall’articolo 483 del Codice Penale (falso ideologico). La responsabilità del traduttore non riguarda ovviamente la veridicità di quanto riportato nel documento originale.

L’asseverazione è necessaria per i documenti stranieri tradotti che devono avere accettati dagli enti pubblici e dalle autorità di Paesi esteri. L’ asseverazione riguarda, ad esempio, documenti personali quali titoli di studio, certificati anagrafici, sentenze di divorzio o documenti finanziari, atti legali o giuridici, tutto ciò che prevede un deposito presso il Registro delle imprese, atti notarili, procure societarie e molto altro ancora.

Asseverazione

Gli elementi fondamentali che costituiscono una traduzione asseverata sono:

1) testo originale
2) traduzione
3) verbale di asseverazione
4) Apostille o legalizzazione

Se l’autorità a cui vengono consegnati i documenti non richiede espressamente l’originale, si può procedere con l’ asseverazione di una fotocopia autenticata del documento originale. Il verbale di asseverazione è un modello fornito dal Tribunale o dal Giudice di Pace, che il traduttore compila e firma di fronte al funzionario dell’ufficio asseverazioni.

Dopo la traduzione giurata, si può procedere con un ulteriore fase di Apostille o legalizzazione, spesso fondamentale se il documento è destinato all’estero. Tutti i documenti e verbali firmati e timbrati vengono pinzati insieme a costituire un unico plico. L’ultimo passaggio perevede che la traduzione deve ricevere i timbri di giunzione tra le pagine e l’annullamento delle marche da bollo, attraverso un ulteriore timbro.

La traduzione non serve quando:

  •  il documento pubblico è redatto nella lingua ufficiale dello Stato membro in cui il documento è presentato o, qualora lo Stato membro in questione abbia più lingue ufficiali, nella lingua ufficiale o in una delle lingue ufficiali del luogo in cui il documento è presentato o in qualsiasi altra lingua espressamente accettata da tale Stato membro;
  • il documento pubblico relativo alla nascita, all’esistenza in vita, al decesso, al matrimonio, compresi la capacità di contrarre matrimonio e lo stato civile, all’unione registrata, compresi la capacità di sottoscrivere un’unione registrata e lo stato di unione registrata, al domicilio e/o alla residenza e all’assenza di precedenti penali, è corredato, alle condizioni stabilite dal presente regolamento, di un modulo standard multilingue purché l’autorità nazionale a cui è presentato il documento pubblico ritenga che le informazioni figuranti nel modulo standard multilingue siano sufficienti al trattamento del documento pubblico.

Legalizzazione

La legalizzazione rappresenta il passaggio successivo ed ulteriormente validante dell’ asseverazione. Ogni volta che si riceve un documento dall’estero o si deve inviare un documento all’estero, per far sì che venga ritenuto valido, è necessario apporre l’apostille o procedere con la legalizzazione. Sia la legalizzazione che l’apostille rappresentano una modalità di attestare il valore legale dell’atto e della funzione del pubblico ufficiale che ha firmato il verbale.

La legalizzazione, dunque, altro non è che l’attestazione legale delle autorità che appongono la propria firma sulle traduzioni, nonché l’attestazione dell’autenticità della firma stessa. Si tratta proprio di un’ulteriore convalida della firma che serve a certificare la provenienza degli atti e la qualifica di chi li ha firmati presso il Tribunale.

In Italia, il servizio di legalizzazione spetta alla Prefettura o alla Procura della Repubblica, a seconda del tipo di documenti.

Apostille

Per quanto riguarda i Paesi aderenti alla Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961, la legalizzazione delle traduzioni ufficiali viene semplificata con la formalità dell’Apostille, ovvero con l’applicazione di un timbro.

Ovviamente, si tratta di un timbro speciale, utilizzato per attestare l’autenticità del documento all’estero e la qualità legale dell’Autorità che ha apposto la firma sul verbale, al momento di asseverare in Tribunale.

Leggi anche: Traduzioni Legali

Le traduzioni giurate della nostra agenzia

La nostra agenzia di traduzione, Espresso Translations, è esperta in asseverazione, legalizzazione ed ogni genere di traduzioni che riguardino il settore legale. Collaboriamo solamente con traduttori professionisti madrelingua, che possano garantire precisione, qualità e affidabilità. I nostri collaboratori sono esperti del settore legale e perfettamente in grado di occuparsi sia della traduzione che della pratica burocratica legata alla richiesta di asseverare, presso la Procura della Repubblica.

Offriamo servizi linguistici, in tutte le lingue del mondo, tra cui traduzioni, localizzazioni, revisioni, trascrizioni, transcreazioni e  interpretazioni e siamo in grado di assistervi in tutte le vostre esigenze attraverso varie soluzioni. Abbiniamo alta qualità del servizio asseverazioni a tariffe competitive e personalizzate in base alle vostre esigenze specifiche. Grazie alle numerose lingue offerte, possiamo garantire traduzioni di qualunque tipo (asseverata, legalizzata, certificata, apostille) supportare aziende o privati a raggiungere i loro obiettivi internazionali.

L’esigenza di asseverare traduzioni riguarda tutti gli atti aventi valenza amministrativa e legale. In particolare, noi di Espresso Translations possiamo tradurre e asseverare:

  • contratti (di locazione, di affitto, di compravendita, di lavoro, di matrimonio, licenze…)
  • presentazioni e brochure
  • perizie tecniche
  • sentenze e atti processuali
  • relazioni medico-legali
  • termini e condizioni legali
  • segnalazioni e reclami
  • termini e condizioni su prestiti, mutui, fideiussioni
  • certificati con valore legale
  • accordi di compravendita
  • documenti legali
  • dichiarazioni notarili
  • liquidazione bancaria/amministrativa/finanziaria

Se necessiti di una traduzione giurata (asseverazione) e della sua relativa legalizzazione, ti consigliamo di inviarci i certificati da tradurre e di fornirci le seguenti informazioni:

  • Il Paese di destinazione (al fine di localizzare la traduzione)
  • la lingua di destinazione (per affidare la tua traduzione al linguista madrelingua più idoneo)
  • le eventuali istruzioni specifiche (le procedure possono variare di molto da Paese a Paese)

Solamente in questo modo saremo in grado di inviarti un preventivo trasparente e gratuito, nel giro di un’ora. Spiegaci le tue richieste nei dettagli: saremo felici di metterci al lavoro per il tuo progetto!