Giuramento Traduzione

Che cos’è un verbale di giuramento traduzione?

Per conferire valore legale ai documenti ufficiali tradotti in altre lingue è possibile, a seconda dei casi, ricorrere a:

L’ asseverazione di un testo tradotto si ottiene attraverso il lavoro di un traduttore ufficiale che, oltre alla traduzione in sè, si occupa della procedura burocratica di riconoscimento dell’atto pubblico, prestando giuramento della traduzione presso l’ufficio asseverazioni e perizie del Tribunale. In pratica, attraverso l’ asseverazione giurata il traduttore garantisce, firmando un apposito verbale, la corrispondenza e la fedeltà della traduzione rispetto al documento originale di partenza.

La traduzione giurata, che si ottiene sia dal lavoro di traduzione dei documenti che dalla successiva procedura di asseverazione, può essere successivamente legalizzata.

Il traduttore, iscritto all’albo professionale o all’albo CTU del Tribunale, può fare il giuramento di una traduzione sia davanti ad un cancelliere che ad un notaio. Il verbale per periti e traduttori, va compilato e spillato in una sequenza ben precisa:

– nel caso di una perizia:  testo della perizia – modulo di giuramento – allegati
– nel caso di una traduzione:  testo originale – traduzione – modulo di giuramento

Nell’ultima pagina del testo tradotto devono essere apportate la data in cui è stata redatta e la firma del perito giurato.
Non è consentito giurare traduzioni da una lingua straniera ad un’altra lingua straniera se non passando attraverso la lingua italiana. In questi casi, infatti, il traduttore dovrà agire nel seguente modo: tradurre il testo dalla lingua straniera alla lingua italiana con il verbale di giuramento e, successivamente, redigere la traduzione dalla lingua italiana all’altra lingua straniera con il relativo verbale di giuramento.

Quando è necessaria una traduzione giurata?

La traduzione giurata si richiede nei seguenti casi:

  1. quando si richiede di rendere legalmente valido in Italia un documento o un certificato scritto in una lingua straniera, perché proveniente da un altro Paese;
  2. quando bisogna presentare un documento rilasciato in Italia dinnanzi un’autorità di un Paese diverso.

La traduzione giurata non è sempre necessaria; in alcuni casi e per alcuni Paesi per validare un certificato è sufficiente richiedere, ad un qualunque linguista autorizzato, una traduzione certificata.

In Italia per effettuare una traduzione giurata è possibile recarsi presso una delle seguenti entità:

  1.  Tribunale civile (ufficio preposto per la traduzione giurata)
  2.  Ufficio del Giudice di Pace (sezione civile, ufficio preposto per il giuramento delle perizie e delle traduzioni)
  3.  Presso uno studio notarile, alla presenza del traduttore e del Notaio.

Leggi anche: Traduzione Asseverata: Procedura ed Informazioni Utili

Le caratteristiche di una traduzione giurata

La traduzione giurata è una traduzione certificata che si formalizza dinanzi ad un cancelliere e, a differenza della semplice traduzione, richiede un certo grado di responsabilità sulla sua accuratezza e correttezza da parte del traduttore che la redige e sottoscrive. Infatti, si tratta di un atto emesso presso un ente giudiziario e che segue delle regole ben specifiche:

1. Documenti originali e traduzione devono essere allegati

La traduzione dovrà essere spillata al documento in lingua originale (in versione originale oppure in copia). Nel caso in cui si tratti di un atto pubblico recante timbro di Apostille, bisognerà necessariamente allegare il certificato originale. Per non perdere il valore legale acquisito, il fascicolo deve essere sempre presentato così come consegnato. La traduzione senza il suo allegato di copia/originale non ha alcuna validità.

2. Traduzione, atti e verbale di giuramento

Il verbale di giuramento, che il traduttore giurato deve compilare, si acquisisce presso l’Ufficio Asseverazioni o si scarica online sul sito del Tribunale. Su tale verbale devono essere apposte la firma e i dati anagrafici del traduttore (indicando anche un documento di identità valido). La firma del traduttore giurato viene apposta dinanzi al funzionario giudiziario nel momento di asseverare e, per concludere la procedura, si appone anche la firma del cancelliere.

3. Le marche da bollo

Per ogni traduzione giurata è necessario apporre le marche da bollo da 16,00 € per ogni 4 pagine di traduzione (in genere ogni 100 righe). In base ai casi specifici e alle destinazioni d’uso della traduzione giurata, la legge italiana prevede delle esenzioni da imposta di bollo (per lavoro, per borsa di studio, previdenza sociale, per pratiche di adozione, divorzio, ecc). Rivolgersi a traduttori giurati, esperti del settore legale, è necessario anche per conoscere le leggi speciali che disciplinano l’esenzione dall’imposta di bollo, influendo positivamente sui costi complessivi delle traduzioni giurate, in modo da individuare con facilità ogni caso specifico.

4. Gli atti tradotti devono essere firmati e timbrati dal traduttore su ogni pagina

Generalmente, le firme si appongono in congiunzione, a partire dalla congiunzione tra l’ultima pagina dell’originale e la prima pagina di traduzione, ma in alcuni Tribunali o Consolati è sufficiente firmare e timbrare solo sulle pagine della traduzione giurata. L’importante è che tutte le pagine di traduzione rechino la firma o le iniziali del perito che ha prodotto la traduzione. Il lavoro del perito è di grande responsabilità, non consiste solamente nel tradurre gli atti, ma si assume anche l’incarico di portare a termine l’intera procedura presso gli uffici preposti, di modo che le traduzioni giurate dei documenti possano essere riconosciute come valide e accettate all’estero.

Tradurre e conferire valore legale al documento tradotto

Lo stesso perito esperto che si è occupato della traduzione, deve recarsi presso l’ufficio asseverazioni del Tribunale di riferimento e fare richiesta di legalizzazione. Dovrà portare con sé il suo documento di identità che ha indicato sul verbale di giuramento e completare la procedura in cancelleria, dinanzi al funzionario giudiziario che procede con l’asseverazione. In seguito l’assistente procederà con la registrazione ufficiale dell’atto. La firma del traduttore sul verbale dovrà essere apposta dinnanzi al funzionario giudiziario.

Tuttavia, a seconda del regolamento interno di ciascun Tribunale, è possibile che si verifichino alcune variazioni della prassi ufficiale, con piccole differenze nelle procedure, per questo si consiglia sempre di informarsi presso l’ufficio asseverazioni del proprio Tribunale di riferimento. Alcuni Tribunali forniscono istruzioni dettagliate relative alla procedura di asseverazione online o in formato cartaceo presso l’ufficio stesso.

Il falso giuramento

La falsa attestazione giurata da parte del perito costituisce reato di cui all’art. 483 del Codice Penale. Si parla, infatti, di falsità Ideologica commessa dal privato in atto pubblico, ovvero chiunque attesta falsamente al pubblico ufficiale, in un atto pubblico, fatti dei quali l’atto è destinato a provare la verità è punito con la reclusione fino a due anni.

Nel caso delle traduzioni giurate, però, il perito giura di avere fatto bene il proprio operato e di aver tradotto fedelmente i contenuti della documentazione, ma non giura la veridicità dei contenuti riportati sui documenti, di cui non può essere ritenuto responsabile. Infatti, il perito non è un pubblico ufficiale e non lo diventa neanche con le traduzioni giurate e la legalizzazione dei documenti.
Tuttavia, poiché la perizia e la traduzione richiedono che il perito e il traduttore siano dotati di determinate competenze tecniche e conoscenze legali specifiche, se operano secondo le regole di queste attività, si presume che il contenuto dei documenti redatti sia conforme a verità.

Infine, il falso ideologico è imputabile solo a titolo di dolo, sicché l’elemento soggettivo del reato consiste nella rappresentazione e volizione degli elementi costitutivi del fatto. Più precisamente, il dolo è rappresentato dalla volontà cosciente e non coartata di compiere il fatto e nella consapevolezza di agire contro il dovere giuridico di dichiarare il vero, essendo perciò escluso che la falsità sia dovuta a negligenza o a una leggerezza della condotta dell’agente (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 15485/2009).

Leggi anche: Quanto costa una traduzione giurata? Ecco le principali indicazioni di costo

Perché dovresti rivolgerti a noi per una traduzione giurata?

La nostra agenzia di traduzioni, Espresso Translations, garantisce traduzioni professionali svolte da traduttori madrelingua, con una Laurea in Lingue e un’esperienza almeno quinquennale nel campo delle traduzioni specializzate. Oltre ad offrire traduzioni legali di elevata qualità, il nostro team vanta traduttori specializzati nei  settori: legale, medico, amministrativo, commerciale, tecnico, informatico, finanziario, letterario, e così via.

Se necessiti di una traduzione giurata di un qualsiasi documento italiano, inglese, arabo, francese, cinese, tedesco, russo, portoghese, olandese o spagnolo che sia, puoi fare richiesta alla nostra agenzia. Noi di Espresso Translations faremo in modo di affidare il tuo progetto di legalizzazione all’esperto più idoneo, lo stesso che si occuperà anche di portare a termine la prassi burocratica. In questo modo, qualunque documento italiano sarà riconoscito a tutti gli effetti come legale all’estero e lo stesso vale per un qualsiasi documento straniero da validare in Italia.

Espresso Translations, inoltre, fa tutto il necessario affinchè i lavori vengano consegnati in tempi rapidi e puntuali, poichè siamo consapevoli dell’importanza della tempestività per tutto ciò che riguarda le patiche burocratiche da sbrigare quando ci si trasferisce all’estero.

La nostra agenzia garantisce la revisione dei testi tradotti dai nostri traduttori, al fine di verificare l’esattezza della terminologia utilizzata. Per qualsiasi tipo di traduzione rivolgiti a noi e presentaci il tuo progetto: ti daremo risposta entro un’ora con un preventivo personalizzato e senza impegno. Qualunque siano le tue esigenze, saremo lieti di lavorare per te!