Traduzione contratto in inglese: un compito molto delicato.

Contratto in inglese: come redigere una traduzione accurata

Il fenomeno della globalizzazione e dell’internazionalizzazione ha notevolmente incrementato le richieste di traduzione di qualsiasi tipologia di contratto o documento in inglese, siano essi stipulati per le vendite e per i rapporti commerciali oppure per partnership di collaborazione con società straniere.

Per contratto s’intende un accordo, tra due o più parti, che consente di conciliare interessi o di raggiungere un obiettivo comune. Se si  contratta con l’estero e si rende necessario tradurre un contratto nella lingua del Paese in cui si è scelto il tribunale competente, è fondamentale affidarsi a traduttori esperti del mondo giuridico.

La traduzione di contratti in inglese, professionale e di qualità, è in grado di agevolare e salvaguardare al meglio i rapporti commerciali con i collaboratori esteri.

Quando si traduce un contratto in inglese?

Per qualsiasi ragione privata o lavorativa può verificarsi la necessità di richiedere una traduzione di un contratto in lingua inglese. Bisogna necessariamente rivolgeresi a traduttori professionisti, non solo specializzati in ambito giuridico ma che siano anche madrelingua inglese del Paese cui è destinata la traduzione. Infatti, lo stesso documento in inglese può presentare alcune differente linguistiche a seconda se ci si rivolge ad un tribunale degli Stati Uniti o ad uno del Regno Unito.

La traduzione di un contratto in lingua inglese deve essere richiesta nel caso di documenti che facciano riferimento a pratiche di commercio internazionale oppure relativi a tematiche economiche e finanziarie. Ma anche nei casi più comuni di contratti di lavoro presso un’azienda o ente estero, di documenti che regolano appalti o di contratti da far presente all’estero come documentazione fiscale, e così via.

Differenza tra contract e agreement

Quando si parla di “contratto” in inglese, spesso, sorge il dubbio che si possa trattare di un “contract” oppure di un “agreement”. In realtà, le differenze tra queste due tipologie di documenti sono minime, ma molto rilevanti.

E’, dunque, bene sapere che per agreement s’intende un accordo raggiunto tra le parti, spesso in modo informale. Il contract, invece, è un accordo legalmente valido e vincolante.

Le differenza tra “contract” e “agreement”, dunque, dipendono sostanzialmente dalla forma, dalle finalità e dai contesti nei quali vengono redatti. Qualunque sia la natura del documento contrattuale oggetto di traduzione, solamente un professionista esperto sarà in grado, non solo di comprendere appieno la materia da trattare ma anche di utilizzare la terminologia tecnica e specifica più adatta.

Leggi anche: Traduzione Legalizzata: Quando e Come Richiederla

Gli aspetti da considerare nella traduzione di un contratto in inglese

Tradurre un contratto è un compito davvero molto delicato, che richiede un certo grado di responsabilità, oltre che la massima attenzione e precisione. Da un contratto, stipulato di comune accordo, tra due aziende dipendono i loro rapporti e anche l’ errore di traduzione più banale può compromettere la riuscita del business.

Gli elementi della traduzione a cui dover fare particolare attenzione sono sostanzialmente tre:

1. Le parole giuste

In abito commerciale e legale la terminologia di settore è molto specifica e, spesso, di difficile comprensione. Tale linguaggio è utilizzato nei contratti e nelle traduzioni può causare fraintendimenti, portando a conseguenze giuridiche anche gravi. Questo spiega l’importanza di rivolgersi ad un traduttore che abbia competenze nel settore e che possa garantire traduzioni di contratti secondo le regole e i termini corretti.

2. I concetti

In alcuni settori specifici, i termini italiani non hanno sempre un corrispettivo nella lingua inglese e viceversa e questo complica il processo di  traduzione. Nei casi in cui i termini legali del sistema giuridico italiano siano intraducibili è necessario fornire, nella traduzione, spiegazioni adeguate nella lingua di arrivo, per far comprendere il loro significato al pubblico di destinazione.

3. I false friends

Nella lingua inglese specifica del settore commerciale e giuridico esistono i cosiddetti false friends, ovvero termini che, per suono o forma, richiamano parole italiane ma che in realtà hanno significati molto differenti da loro. Si tratta di parole che traggono in inganno e danno spesso luogo ad equivoci e fraintedimenti, compromettendo la qualità della traduzione.

Leggi anche: Il grosso fraintendimento dietro la certificazione linguistica di una traduzione inglese

Perché dovresti rivolgerti a noi per una traduzione contratto?

La nostra agenzia di traduzioni Espresso Translations ti offre traduzioni svolte da traduttori madrelingua, con un’esperienza ultraquinquennale nel campo delle traduzioni di contratti. Traduciamo contratti giuridici per privati o società: contratto di lavoro, contratti di compravendita, contratti d’impresa, contratti con fornitori, note legali, contratti di locazione, articles and conditions e così via.

Per tradurre contratti in lingua inglese, infatti, è necessario rivolgersi ad un traduttore legale che abbia solide competenze di diritto italiano ed estero. Gli ordinamenti giuridici, il Codice Civile per l’Italia e il Common Law anglo-americano, presentano delle sostanziali differenze tra loro e questo implica che spesso, nelle traduzioni, un termine non abbia il suo corrispondente nelle altre lingue.

La nostra agenzia garantisce la revisione delle traduzioni da parte di un esperto traduttore legale, al fine di verificare le equivalenze tra i due ordinamenti giuridici e l’esattezza della terminologia utilizzata.

Per qualsiasi traduzione di contratto rivolgiti alla nostra agenzia: saremo lieti di lavorare per te!